Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

ATTENTI A GOOGLE: IL CASO ATTRAKT.COM

Google è stata condannata in primo grado (per abuso di dipendenza economica, concorrenza sleale ed abuso del diritto nell’inadempimento contrattuale) ad un risarcimento danni e saldo di debiti accumulati nei confronti di una startup italiana autofinanziata, il motore di ricerca Attrakt, che permetteva agli utenti di creare dei pacchetti di siti sui quali concentrare l’attenzione, quelli più autorevoli, senza rischiare di perdersi nei risultati generici.
In due anni Attrakt ha raccolto 15.000 utenti registrati e 1.700.000 singoli visitatori ogni giorno, con un fatturato pubblicitario intorno a due milioni di euro, praticamente tutto riconosciuto da Google. In pratica acquistavano spazi pubblicitari da Google mentre dallo stesso Google (Google AdWords e Google AdSense) incassavano ricavi per le visualizzazioni e i click provenienti dalle proprie pagine.
Per motivi che al tribunale sono apparsi inconsistenti d’improvvido Google ha negato il pagamento di oltre 500.000 euro che doveva ad Attrakt per la pubblicità ospitata, troncando la collaborazione senza alcun preavviso, impedendo la possibilità di una riorganizzazione operativa. Il motore di ricerca italiano, così promettente, ha alzato bandiera bianca e licenziato i dipendenti, ricorrendo comunque al Tribunale, da cui ha avuto ragione. Per ora.
Una sentenza che rafforza le indagini da parte dell’Unione Europea sulla posizione dominante di Google che falserebbe il libero mercato. Infatti il fascicolo su analoghe situazioni pare si stia gonfiando per comportamenti analoghi nei confronti di piccoli clienti.

sentenza

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title