Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SENZA ORIZZONTI

Si parla di continuo della riforma della PA – Pubblica Amministrazione per renderla più snella, efficiente, effettivamente al servizio dei cittadini.

Siamo in attesa degli sviluppi promessi per questo inizio 2016.

La riforma della PA è la madre di tutte le riforme, perché il cittadino ha bisogno di un riferimento e di un esempio per essere (diventare) più dotato di senso civico e rispettoso del bene comune.

Una PA liberata dagli interessi clientelari della politica, vincolata ai risultati, messa in grado di eliminare le sacche di privilegio, inefficienza e corruttela, tempio del merito.

La attuale PA ha molti esempi di efficienza, correttezza ed equità. Purtroppo la parte malata è troppo estesa e mette “tutta l’erba in un unico fascio”.

Questa parte malata comporta ostacoli e ritardi che alla fine costano tanto, anche più dell’evasione fiscale; insieme sottraggono all’economia sana circa il 15% dei PIL.

Un circolo vizioso perché più efficiente è la PA e più cresce l’economia; più è meritevole la PA è più volentieri si pagano le tasse e le imposte. Più si pagano le tasse e le imposte più queste scendono: vale il principio assodato che la fedeltà fiscale di un popolo  è strettamente connessa alla pressione fiscale.

Basta con una PA piena di debiti arretrati,  che non realizza le opere che servono per lo sviluppo mentre spende per se stessa troppo e male; basta con la sua burocrazia tanto asfissiante quanto talvolta inutile, capace di ostacolare i tempi e la libertà d’impresa mentre costringe il proliferare della corruzione; basta con la giustizia lenta, anche travagliata da correnti politicizzate oltre che da voglia di allargare i confini sui suoi compiti istituzionali.

Un PA con questi guai non assicura orizzonti positivi a chi lavora o, semplicemente, a chi è in pensione.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title