Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

  • BANCHE: 10.000 PICCOLI IMPRENDITORI COINVOLTI NEL SALVATAGGIO DI CARIFE, BANCA MARCHE, CARICHIETI E BANCA ETRURIA

    COMITAS (MICROIMPRESE) OFFRE ASSISTENZA PER TUTELARE I DIRITTI DELLE PICCOLE ATTIVITA’ Circa 10mila piccoli imprenditori di tutta Italia sono stati trascinati nel salvataggio di Carife, Banca Marche, Carichieti e Banca Etruria, perdendo la totalità dei propri risparmi. Lo denuncia oggi Comitas, l’associazione delle piccole e microimprese italiane, annunciando iniziative legali a tutela dei risparmiatori. “Si […]

  • VERGOGNOSA ARROGANZA BANCARIA

    L’Associazione Bancaria Italiana si dichiara “imbestialita” perché in Italia, con la nuova legge “bail in”, il salvataggio delle banche dissestate viene posto a carico del sistema bancario privato e non ricorrendo a soldi pubblici; sarebbero aiuti di Stato, non ammessi dall’Europa. A sostegno della tesi “della legnata” si riporta polemicamente una recente sentenza della Corte […]

  • ISTAT: FIDUCIA IMPRESE STABILE, AL TOP DA PRE-CRISI

    COMITAS (MICROIMPRESE): MA PER PICCOLE ATTIVITA’ FUTURO ANCORA INCERTO. SI SPERA NEL NATALE PER RIPRESA AFFARI La fiducia delle imprese non è omogenea, e forti differenze si registrano tra grandi e piccole imprese. Lo afferma Comitas, l’associazione delle microimprese italiane, commentando i dati resi noti oggi dall’Istat. Le piccole attività fanno ancora fatica e vedono […]

  • TENDENZE DEL CREDITO ALLE IMPRESE. FOCUS CONFARTIGIANATO

    Il recupero dell’economia è sostenuto dall’allineamento favorevole di fattori esogeni quali tassi di interesse, tasso di cambio e prezzi dell’energia. In otto mesi di attività del Quantitative Easing – tra 9 marzo e 31 ottobre 2015 – la BCE ha comprato 63,2 miliardi di bond italiani, quasi la metà (48,6%) dei circa 130 previsti. La […]

  • IMPRENDITORI IMMIGRATI

    Sono oltre mezzo milione e sempre più dinamici. Rappresentano l’8,7% delle imprese nazionali. Crescono le società di capitali. Il dinamismo imprenditoriale italiano ha contagiato anche gli immigrati. L’Italia è il primo Paese europeo per lavoratori autonomi e imprenditori attivi, ed è tra i primi tre per lavoratori autonomi e imprenditori nati all’estero. Terzo, dietro Regno Unito […]

  • LE 100 TASSE DEGLI ITALIANI

    Quante tasse pagano gli italiani ? Ne sono state individuate un centinaio, un elenco lungo di voci che include addizionali, accise, imposte, sovraimposte, tributi, ritenute, ecc.. (Ufficio studi della CGIA di Mestre ) A un sistema tributario frammentato, che vessa cittadini e imprese con le sue tante scadenze fiscali, si accompagna invece un gettito estremamente […]

  • LE BANCHE RIPRENDONO A GUADAGNARE

    Secondo le relazioni trimestrali consolidate, nel primo trimestre del 2015 la redditività dei cinque maggiori gruppi bancari italiani è migliorata rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: il rendimento annualizzato del capitale e delle riserve (ROE) è cresciuto di circa tre punti percentuali, al 6,6 per cento. La lieve contrazione del margine di interesse (-1,3 […]

  • ANDAMENTO DELL’OCCUPAZIONE

    Se qualcosa si muove lo si deve alle imprese minori. Nel primo trimestre del 2015 il tasso di disoccupazione è diminuito al 12,4 per cento (12,7 nel periodo precedente; fig. 27) per effetto di una minore partecipazione al mercato del lavoro, concentrata nelle persone con meno di 55 anni. La disoccupazione di lunga durata è lievemente […]

  • SI ATTENUA LA CONTRAZIONE DEI PRESTITI BANCARI, NON PER LE MICROIMPRESE

    Si è attenuata la contrazione dei prestiti bancari alle imprese (incluse le famiglie produttrici). I prestiti sono scesi dell’1,6 per cento nei dodici mesi terminanti a maggio del 2015 rispetto alla riduzione del 2,0 a dicembre del 2014. Alla fine del primo trimestre del 2015 il debito complessivo delle imprese in percentuale del PIL è […]

  • NON PER COLPA DELLE MICROIMPRESE LO STOCK DI CREDITI DETERIORATI DISTOGLIE RISORSE DAL FINANZIAMENTO DELL’ECONOMIA

    L’elevata consistenza di crediti in sofferenza ereditata dalla lunga recessione continua tuttavia a comprimere la crescita dei prestiti e distoglie risorse dal finanziamento all’economia. Un’accelerazione dello smobilizzo dei prestiti in sofferenza contribuirebbe a sostenere la dinamica del credito. Le misure approvate in giugno dal Consiglio dei ministri (07.15) dovrebbero rimuovere alcuni ostacoli derivanti dalla normativa […]

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title