Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

Alluvione, imprenditore suicida a Orosei

Si registra ancora una morte legate all’alluvione che ha colpito la Sardegna il 18 novembre. Pasqualino Contu, titolare dell’azienda 3C, impegnata nel settore dei prefabbricati di cemento armato, si è tolto la vita stamattina a Orosei, disperato per i gravi danni subiti dalla sua azienda che ammontano a circa un milione e mezzo di euro . Era la terza alluvione negli ultimi dieci anni , quella appena subita dall’impresa di Contu, situata nella valle del Cedrino.
Le reazioni. “Sono attonito e scosso”. Questo il commento del presidente della Regione, Ugo Cappellacci, che aveva conosciuto pochi giorni fa nel corso di un sopralluogo nelle zone colpite dall’alluvione. “In questi momenti le parole non servono – ha aggiunto Cappellacci -. Di fronte a un dramma umano che arriva dopo il dramma che ha colpito intere comunita’, devastato territori e messo in ginocchio aziende e famiglie, l’unica cosa da fare e’ raccoglierci in silenzio e meditare, stringendoci alla moglie e ai figli dell’imprenditore”
Anche Roberto Bornioli, presidente della Confindustria Sardegna Centrale ha manifestato la sua solidarietà alla famiglia dell’imprenditore.
“Siamo sconvolti. Quanto accaduto a Pasqualino Contu riempie il cuore di profonda tristezza e amarezza. Proprio ieri l’abbiamo incontrato in Associazione assieme alla moglie Lisa in un’iniziativa da noi fortemente voluta per dare un supporto tangibile alle imprese devastate dall’alluvione”. Roberto Bornioli, presidente di Confindustria Sardegna Centrale, esprime solidarieta’ alla moglie e alle figlie dell’imprenditore di Orosei, titolare della Tre C Prefabbricati, societa’ attiva dal 1980. “Assicuriamo loro che non le lasceremo sole”, afferma Bornioli.”E’ fondamentale che arrivi il pieno sostegno delle istituzioni, della politica e di tutti coloro che in questi momenti drammatici possono fare qualcosa di concreto”, aggiunge Bornioli. “Occorre ascoltare la voce di dolore che si alza dai nostri territori a partire da quella dei tanti imprenditori che hanno lavorato tutta una vita con tenacia e tanti sacrifici e che oggi chiedono a gran voce di non essere lasciati soli. E’ necessario agire subito, con estrema efficacia, e senza ripetere gli errori del passato”.
Intanto Comitas, il coordinamento microimprese per lo sviluppo, lancia un appello allo Stato, paventando un effetto domino fra i piccoli imprenditori sardi danneggiati dall’alluvione del 18 e 19 novembre scorsi, dopo il suicidio dell’imprenditore di Orosei. “Il gesto di Pasqualino Contu potrebbe essere seguito da altri piccoli imprenditori della regione che hanno visto sparire la propria attivita’”, afferma Comitas, segnalando che sono migliaia le microimprese sarde cancellate dall’alluvione. “Il maltempo delle scorse settimane ha dato il colpo di grazia a un settore in gravissima difficolta’. Lo Stato non deve abbandonare le microimprese, ma deve dare tutto il sostegno possibile, economico e psicologico, agli imprenditori sardi”.

http://www.linkoristano.it/prima-categoria/2013/12/06/alluvione-imprenditore-suicida-a-orosei/#.UqWz2CeoFew

Fonte: Link Oristano

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title