Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Micro-Piccole Imprese per la Tutela e lo Sviluppo

ATTENZIONE AI SERVIZI A CONTENUTO

Attenzione ai servizi a contenuto o a sovrapprezzo o a valore aggiunto (indicati anche come premium) che inavvertitamente attiviamo dal nostro cellulare, a nostra insaputa o con inganno, cliccando (anche per chiudere) banner o pop-up pubblicitari; in alcuni casi anche da semplici approfondimenti di notizie, ovviamente fake, costruite per attirare la nostra curiosità. Una vera e propria truffa perpetrata con il consenso degli operatori telefonici. Se non si interviene tempestivamente vengono addebitati costi, anche di 25 euro al mese, per servizi che non sono stati richiesti e comunque inutili!

La prova evidente della complicità degli operatori telefonici sta nella connessione diretta con la nostra carta di credito dove è domiciliata la bolletta. Incredibile la velocità, in tempo reale, in cui il malcapitato riceve l’addebito: neanche il tempo di leggere il messaggio che, non sempre, ti avvisa in maniera subdola che hai “vinto” un servizio speciale! L’unica via d’uscita è quella di pretendere subito dal vostro operatore (TIM, WIND, POSTE MOBILE, VODAFONE, etc…) il blocco selettivo dei servizi a valore aggiunto. In questo modo, in nessun caso, sarà possibile cadere nella trappola.

– Per TIM chiamate il 119 e chiedete se avete addebiti e, se li avete, fateli stornare immediatamente. Ovviamente se ricevete un messaggio (poco chiaro) che avete aderito ad un servizio XXXXX, chiamate subito e protestate chiedendo l’annullamento “del contratto” e lo storno dell’addebito

– Per WIND occorre chiamare il numero di telefono 155, chiedendo il blocco dei servizi a sovrapprezzo, ma solo dall’Italia

– Per POSTE MOBILE è possibile attivare il blocco dei servizi a sovrapprezzo tramite il servizio clienti al numero

VODAFONE sembra più seria, visto che serve un doppio click per “aderire” al contratto; talvolta per escludere un banner serve appunto un doppio click, quindi precauzione inutile. Per liberarti delle prepotenza devi scaricare (!!!) l’app My Vodafone e richiederne la disattivazione, il rimborso e il blocco.

Insomma ci sono TUTTI dentro, complici uno scandaloso raggiro, accettato supinamente, cioè connivente. Una vera vergogna che ci si debba difendersi da questi palesi addebiti truffaldini dal proprio gestore e che la Polizia Postale o l’Autorità competente non intervenga congiuntamente alla Procura della Repubblica.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title