Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

COMITAS, ALLARME BOLLA FINANZIARIA, MENO CREDITO PMI

PREMIER LETTA VIGILI, BANCHE SPECULANO NON INVESTONO SU IMPRESE

Si intravede all’orizzonte una nuova bolla finanziaria che, scoppiando, potrà infliggere a chi lavora e produce valore un altro duro colpo. E’ l’allarme lanciato oggi da Comitas, che associa le microimprese, chiedendo al premier Enrico Letta e al ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni di “vigilare e intervenire per evitare una nuova bolla finanziaria che rappresenterebbe una vera e propria catastrofe per la nostra economia già moribonda”. “La politica monetaria espansiva avviata da Usa e Giappone sta contagiando anche le altre banche centrali, Bce compresa – spiega Comitas in una nota – Una liquidità mostruosa pari a 1.500 miliardi di euro immessa sul mercato sta praticamente alimentando solo la speculazione finanziaria. I rendimenti dei titoli scendono a livelli minimi, anche sotto l’inflazione, mentre i tassi bancari rimangono alle stelle per l’economia reale delle piccole imprese escluse dal banchetto di detta liquidità; il credito bancario rimane cinque volte più caro di canali alternativi e non arriva alle imprese (é sceso di oltre 35 miliardi di euro), preferendo i piani alti delle obbligazioni più disparate”. La discesa dei rendimenti costringe gli investitori che devono maturare profitti a orientarsi su investimenti più rischiosi; le banche si lanciano sulla speculazione finanziaria “a rischio” ma rimangono prudenti – sostiene l’associazione – sull’economia reale lamentando sofferenze crescenti (quasi 130 miliardi di euro); “come a dire che va bene rischiare sulla speculazione finanziaria e non sull’economia reale. Un vero paradosso”.

Fonte: Ansa

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title