Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con ConsumerLab.it

COMUNICAZIONE TRASPARENTE

Riepiloghiamo sei regole di fondo da osservare per non compromettere la reputazione con affermazioni affrettate, superficiali, fallaci, anche ingannevoli.

Comunicazione di informazioni rilevanti
Informazioni rilevanti, specifiche delle circostanze aziendali, in misura necessaria alla corretta comprensione dell’andamento dell’Impresa, dei suoi risultati, della sua situazione e dell’impatto
della sua attività nonché sugli aspetti per cui appare più probabile che si realizzino i principali rischi di gravi ripercussioni, come pure sui rischi già concretizzati. Le ripercussioni interessate possono essere positive o negative e le divulgazioni rilevanti dovrebbero trattare entrambe in maniera chiara ed equilibrata. Una dichiarazione di carattere non finanziario dovrebbe fornire una rappresentazione veritiera e corretta delle informazioni dell’Impresa necessarie per le parti interessate pertinenti.

Informazioni corrette, equilibrate e comprensibili
Occorre prendere in giusta considerazione gli aspetti favorevoli e sfavorevoli e le informazioni dovrebbero essere valutate e presentate in maniera imparziale; in pratica considerare tutte le
informazioni in ingresso disponibili e attendibili, tenendo conto delle esigenze di informazione delle parti interessate. Gli utilizzatori delle informazioni non devono essere fuorviati da dichiarazioni errate rilevanti, dall’omissione di informazioni rilevanti o dalla comunicazione di informazioni non rilevanti. Fondamentale rendere le informazioni più comprensibili utilizzando un linguaggio semplice e una terminologia coerente, evitando la standardizzazione e, ove necessario, fornendo definizioni per i termini tecnici.

Informazioni complete ma concise
Informazioni ambientali, sociali, attinenti al personale, al rispetto dei diritti umani, alla lotta contro la corruzione attiva e passiva in misura necessaria alla comprensione dell’andamento dell’Impresa, dei suoi risultati, della sua situazione e dell’impatto della sua attività.
Si dovrebbe evitare di fornire informazioni generiche o standardizzate che non siano rilevanti, meno facili da comprendere dato che occulterebbero le informazioni rilevanti.

Informazioni strategiche e lungimiranti
Approfondimenti in merito al modello aziendale di un’Impresa, alla sua strategia e alla sua attuazione, nonché spiegare le implicazioni a breve, a medio e a lungo termine delle informazioni divulgate. Comunicando obiettivi, parametri di riferimento e impegni, un’Impresa può aiutare gli investitori e le altre parti interessate a inserire i risultati conseguiti dalla stessa in un contesto. Ciò può essere utile per valutare le prospettive future. Il monitoraggio esterno degli impegni e dei progressi verso gli obiettivi promuove maggiore trasparenza nei confronti delle parti interessate.

Informazioni orientate alle parti interessate
Concentrarsi sulle necessità delle parti interessate intese come un gruppo collettivo piuttosto che sulle necessità o sulle preferenze di singoli soggetti o parti interessate atipiche o con esigenze irragionevoli di informazioni. Ove opportuno tali soggetti possono includere, tra gli altri: investitori, lavoratori, Consumatori, fornitori, clienti, Comunità locali, autorità pubbliche, gruppi vulnerabili, parti sociali e società civile.

Informazioni coerenti e sistematiche
Collegamenti chiari tra le informazioni presentate nella dichiarazione di carattere non finanziario e le altre informazioni comunicate nella relazione sulla gestione rendono dette informazioni più utili, pertinenti e coerenti. La relazione sulla gestione dovrebbe essere considerata come un unico insieme di informazioni equilibrate e coerenti.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title