Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

CRISI: 2013 ANNO NERO, PERSE 111.000 AZIENDE

COMITAS (MICROIMPRESE): IN ITALIA ECATOMBE DI ATTIVITA’, GOVERNI INCAPACI DI SALVARE LE IMPRESE, SALVANO SOLO LE BANCHE

FINE DELLA CRISI E’ ANCORA LONTANA

Con 111mila chiusure aziendali, il 7,3% in più rispetto al 2012, il 2013 è stato senza dubbio l’anno più duro per le imprese italiane. Lo afferma Comitas, l’associazione delle piccole e microimprese commentando i dati del Cerved.

Alla base del record di chiusure di attività nel nostro paese vi sono una serie di concause, che nessun Governo ha saputo finora affrontare: la restrizione del credito da parte delle banche (basti pensare che il 40% del credito viene assorbito dalle prime 200 grandi aziende, il 30% dal pubblico, e solo il resto per tutti gli altri soggetti), la forte riduzione dei consumi da parte delle famiglie, l’aumento della pressione fiscale. Fattori che hanno letteralmente spazzato via 111mila imprese, causando una vera e propria ecatombe di aziende.

A farne le spese – prosegue Comitas – sono state soprattutto le attività di piccole e piccolissime dimensioni, quelle cioè che assorbono il maggior numero di posti di lavoro in Italia: non a caso a gennaio il tasso di disoccupazione è volato al 12,9%.

La fine della crisi è, purtroppo, ancora lontana, e se la classe politica non si impegnerà seriamente a salvare il mondo dell’imprenditoria come ha fatto finora solo con le banche e con le grandi imprese, anche nel 2014 dovremo assistere ad una nuova ondata di fallimenti – conclude Comitas.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title