Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

CRISI: MICROIMPRESE PAGANO IL CONTO PIU’ SALATO

RIDUZIONE DEL CREDITO DOPPIA RISPETTO A GRANDI AZIENDE E TASSI DI INTERESSE A QUOTA 8%

SENZA CREDITO USCITA DALLA CRISI E’ UN MIRAGGIO

I dati ufficiali diffusi pochi giorni fa parlano di quasi il 5% di restrizione del credito per le imprese nell’ultimo anno; per le microimprese, tuttavia, i prestiti da parte delle banche sono calati di oltre il doppio, superando quota -10%, come doppi rispetto alle medie risultano i tassi di interesse, spesso superiori all’8%.

Lo afferma Comitas, l’associazione delle piccole e microimprese italiane, che spiega: a tutto ciò occorre aggiungere le spese che vengono addebitate con incredibile fantasia alle aziende dagli istituti di credito, i crediti in sofferenza che corrono verso i 150 miliardi di euro e quelli deteriorati che sono almeno il doppio. La liquidità del sistema invece è notevole come è minimo il costo primario del denaro; infatti i depositi sono aumentati del 6,6%.

Le microimprese pagano per tutti e più di tutti il costo di questa crisi. Le banche soffrono il peso di esuberi e di condizioni fiscali più sfavorevoli rispetto ai competitori europei; ma senza una maggiore capitalizzazione, che il rating basso del sistema Italia non favorisce, il perdurare della stretta appare inevitabile. Occorre un intervento forte per liberare l’economia dalla morsa bancaria che oggi occupa oltre il 90% del credito – afferma COMITAS – La strada obbligata sono finanziamenti strutturati e mini/micro bond da una parte, e la ricapitalizzazione dall’altra, che vanno favorite concretamente e sostanzialmente con provvedimenti fiscali e normativi semplici ed efficaci. Le microimprese sono addirittura scoraggiate nel chiedere prestiti e si arrangiano ritardando i pagamenti, riducendo le scorte se non anche diluendo le prestazioni fiscali. In questo scenario – conclude l’associazione delle microimprese – l’uscita alla crisi economica rimane un mero miraggio.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title