Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

ISTITUITE LE PMI INNOVATIVE

Il decreto legge Investment compact istituisce la categoria delle Pmi innovative, che potranno accedere a buona parte delle semplificazioni e agevolazioni oggi riservate alle startup create da non più di quattro anni. Nello specifico il decreto prevede: la riduzione degli oneri per l’avvio di impresa, le forme alternative di remunerazione come stock option e work for equity, gli incentivi fiscali per le società e le persone fisiche che investono in startup innovative, la possibilità di raccogliere capitali con il cosiddetto crowdfunding.

Per accedere alle facilitazioni, le PMI devono essere non quotate in borsa, avere bilancio certificato, e almeno due dei seguenti requisiti:

 – spese in ricerca e sviluppo pari ad almeno il 3% del maggior valore tra fatturato e costo della produzione (possono essere incluse anche quelle per lo sviluppo precompetitivo e competitivo, le spese relative ai servizi di incubazione forniti da incubatori certificati; i costi lordi di personale interno e consulenti esterni; le spese legali per la registrazione e proiezione di proprietà intellettuale);

– impiego di personale altamente qualificato in misura almeno pari a un quinto della forza lavoro complessiva;

– essere detentrici, licenziatarie o depositarie di un brevetto o software (relativi ai campi industriali o biotecnologico) registrato alla SIAE.

 Attenzione: alle PMI innovative si applicano le agevolazioni fiscali riservate alle start up innovative, ma non le norme particolari relative al diritto fallimentare e nemmeno quelle sui contratti di lavoro.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title