Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA…BUCATA

In teoria sembrerebbe un’idea vincente: mettere in relazione stretta chi vende e chi compra chiude il cerchio e accerta che, chi non lo chiude, evade.
In pratica emergono molti dubbi. Prima di tutto la complessità; già nei primi giorni il sito dove vengono raccolte le transazioni è in affanno e si blocca.
Perché non si è previsto un ingresso nel sistema a scaglioni delle partite IVA?
Perché non si è preferito, per un primo periodo, che il cartaceo ed il digitale potessero procedere in parallelo per dare tempo al sistema di raggiungere il regime?
Perché non è stato proposto un unico software pubblico, gratuito, per evitare la collimazione dei diversi software in commercio?
Una falla che potrà essere incontrollabile è l’esenzione dei piccoli della flat tax (l’80% delle Partite IVA!) e di altri contribuenti; un’altra falla è l’assurda procedura ancora incerta per la fatturazione BtoC, tra Aziende e Consumatori.
Insomma tutto gioca a favore del sommerso, per incapacità tecnica, per mancanza di connessione, per paura di entrare nel circolo della morte fiscale, data la pressione abnorme vigente in Italia (tra le prime al mondo).
Sembra fatto apposta per ostacolare, anzi incentivare, il nanismo imprenditoriale; c’è diffidenza a tutto campo ad entrare nel mondo del fisco digitale. Senza dimenticare che essere esenti dall’emissione della fattura con IVA significa poter far pagare meno i privati e quindi essere avvantaggiati sui contribuenti ordinari.
Milioni di partite IVA per miliardi di transazioni riempiranno le stanze dell’Agenzia delle Entrate e forse le paralizzerà. Vedremo…ricordando la fine triste del SIRTI dei rifiuti, simile nella logica e forse un avvisaglia inascoltata.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title