Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

LA FLAT TAX, UN DONO POTENZIALMENTE PREZIOSO

Indubitabile la convenienza della flat tax che avvantaggia il 60% delle persone fisiche con partita Iva e, dal 2020, l’80%.

Il regime forfettario riguarda i contribuenti che nel 2018 non hanno superato  65mila euro di fatturato e prevede l’applicazione di una imposta sostitutiva proporzionale del 15 per cento (ridotta al 5 per cento per i primi cinque anni di attività, con un ulteriore vantaggio fiscale per gli under 35 e over 55).

Un secondo regime, quello analitico (non forfettario ma su ricavi meno costi) in vigore dal 2020, riguarda i contribuenti che nel 2019 hanno fatturato tra 65mila e 100mila euro di fatturato e prevede una imposta sostitutiva proporzionale del 20 per cento.

Oltre i 100mila euro di ricavi annui rimane, invece, il regime ordinario Irpef, basato sull’applicazione di aliquote progressive per scaglioni e sull’assoggettamento alle addizionali regionali e comunali, nonché – nei casi previsti dalla legge – all’Irap.

Una occasione preziosa per semplificare la gestione amministrativa e pagare imposte prevedibili; rimane lo scempio dei contributi INPS, esagerati rispetto a quanto poi restituiscono in termini pensionistici.

Questi i coefficienti di redditività previsti per attività produttiva:

  • Commercio al dettaglio e all’ingrosso: 40 per cento
  • Servizio di alloggio e ristorazione: 40 per cento
  • Industrie alimentari e delle bevande: 40 per cento
  • Commercio di alimenti e bevande: 40 per cento
  • Commercio ambulante non alimentare: 54 per cento
  • Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie di istruzione, servizi finanziari e assicurativi: 78 per cento
  • Altre attività economiche: 67 per cento
  • Costruzione e attività immobiliari: 86 per cento
  • Intermediari del commercio: 62 per cento

Per la giusta scelta occorre ricordare che la flat tax riguarda contribuenti che:

  • non abbiano partecipazioni a società di persone, associazioni o imprese familiari;
  • non abbiano il controllo di Srl;
  • non siano in associazioni in partecipazione che esercitano attività direttamente o indirettamente connesse con quelle svolte dal soggetto titolare del regime forfettario;
  • non esercitino l’attività nei confronti dei datori con i quali siano in essere rapporti;
  • non esercitino l’attività nei confronti dei datori con i quali ci siano stati rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta;
  • non esercitino l’attività nei confronti di un soggetti riconducibili, anche indirettamente, al precedente datore di lavoro.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title