Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Micro-Piccole Imprese per la Tutela e lo Sviluppo

LA VERITÀ DEL CONTAGIO IN ITALIA

Quando si riapriranno le frontiere europee (sembra dal 3 giugno) molti Paesi potrebbero avere dubbi sulla sicurezza dell’Italia in relazione al contagio Covid19.
Al 15 maggio l’Italia presenta un numero di contagiati rispetto alla popolazione pari al 3,7%, come la Svizzera.
La superano l’Irlanda con il 5,1%, la Spagna con il 4,9%, il Belgio con il 4,8%; segue il Regno Unito con il 3,5%, il Portogallo con 2,9%, la Francia con il 2,7%, l’Olanda con il 2,6%, la Germania con il 2,1%.
Se l’Italia potesse evidenziare il contagio senza la Lombardia avrebbe una percentuale del 2,7%; detta percentuale scenderebbe all’1,3% se calcolassimo il contagio circoscritto agli abitanti di Centro Sud e Isole.
In pratica Centro-Sud e Isole presentano una percentuale posizionata nella parte inferiore della classifica europea, al pari dell’Austria.
Una realtà che va evidenziata per non penalizzare il turismo (e non solo) della metà del Paese. Infatti, la Commissione Europea, che sta verificando le condizioni per una riapertura generale attraverso l’ECDC, European Centre for Disease Prevention and Control, potrebbe ipotizzare eventuali restrizioni per le zone con una alta densità del contagio “mettendo tutta l’erba in un solo fascio”.
Le raccomandazioni emanate dall’ECDC orienteranno i futuri flussi turistici e l’Italia deve far valere l’attrattività delle aree che hanno diffusione del virus ai minimi europei come il nostro Centro-Sud e Isole, in particolare tutte le sue Isole, che hanno una percentuale di contagiati sugli abitanti inferiore allo 0,1%, praticamente virus free, e alla sua Capitale Roma che rimane sotto lo 0,2%.
Questi calcoli sono tanto semplicistici quanto ineccepibili. Se poi si vuole ragionare con stime del tipo R0 ovvero Rt (che misura la potenziale trasmissibilità, cioè il numero di contagi da un infettato) il discorso diventa più tecnico e meno comprensibile. Resta il fatto che l’Italia presenta un basso rischio, comunque lo si voglia dimostrare, confermando la valutazione “empirica” prima riportata, per il nostro Centro-Sud e Isole.

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto