Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

LO SPREAD SALE PERCHÈ IN ITALIA “C’È POLPA DA AZZANNARE”

I risparmiatori e le imprese italiane pagano il conto del malgoverno bancario così come le banche italiane pagano il conto delle loro incapacità di saper stare al tavolo dell’Europa e difendersi dalle speculazioni. Le sofferenze italiane sono sotto accusa ma nessuno evidenzia i derivati e titoli opachi che sono nascosti nei patrimoni europei, sopratutto tedeschi e francesi (che sono più pesanti e possono non solo valer niente ma anche provocare ulteriori perdite, perché privi di un prezzo di mercato e di un meccanismo per determinarlo).
Le banche deboli, finanziariamente e politicamente, mettono a rischio la difendibilità del patrimonio italiano, conteso dagli speculatori globali, mentre infieriscono sui correntisti con costi e balzelli inusuali.
Colpa quindi di gestioni incapaci e malavitose del management, da una parte, e di azioni politiche tardive e deboli dei nostri burocrati inviati in Europa.
Quando vedremo qualche responsabile colpevole chiamato a pagare i danni arrecati?
Quando potremo contare su reazioni tempestive ed efficaci in Europa in grado da far valere le ragione della nostra finanza che non ha nulla da temere rispetto alle altre e dei nostri risparmi che non hanno pari al mondo?
Quando la nostra classe politica si renderà conto che i giochi di potere sono ormai fuori dai nostri confini e che molte più energie vanno impiegate allungando l’attenzione e l’impegno oltralpe?
Nell’attesa, il cambiamento promesso sta comportando confusione, proponendo idee nazionaliste e identitarie che, almeno per ora, appaiono tendenzialmente velleitarie ed oniriche in politica economica; così le piccole imprese pagano per tutti. Lo spread sale e, come sempre, le piccoli imprese e i piccoli risparmiatori pagheranno per tutti, compresi i debitori di mutui per la casa.

Potrebbe interessarti anche
LA FORZA DELLE IMPRESE

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title