Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

Micro-aziende, settemila lavoratori rischiano il posto

L’associazione Comitas prevede che entro la fine dell’anno rischieranno la chiusura 2.300 micro-aziende trentine. Tenendo conto che in media ciascuna è formata da tre lavoratori, si può calcolare un impatto su poco meno di 7.000 lavoratori. Lombardini (Confesercenti): «Sono dati molto vicini alla realtà». Rete imprese Italia propone per i piccoli un triennio di esenzione dall’Irap Le previsioni sulla sopravvivenza delle imprese in Trentino da qui alla fine dell’anno sono molto negative. Secondo Comitas (Coordinamentomicroimprese per la tutela e lo sviluppo) entro fine 2013 sono a rischio 2300 aziende, in media con tre dipendenti, per un totale di quasi 7.000 persone. Loris Lombardini, presidente di Confesercenti, non si esprime sulla consistenza dei dati, ma comunque afferma: «Queste previsioni pessimistiche non mi sembrano molto lontane dai fatti». È per questo che insieme alle altre categorie di Rete imprese Italia chiederà di «esentare per tre anni le microimprese dal pagamento dell’Irap». Secondo l’analisi di Comitas, dai dati provinciali relativi al 2012 «si evince come la situazione sia peggiore a Trento rispetto Bolzano. Mentre infatti nel 2012 il numero di cessazioni di imprese si equivale (Bolzano 2.776 imprese chiuse, Trento 2.865), il saldo con le nuove iscrizioni è di segno negativo per Trento (aperte 2.647 nuove attività, saldo pari a -218 nel 2012, mentre a Bolzano nello stesso periodo hanno aperto 3.073 imprese, saldo positivo pari a 297)». Sul fronte delle chiusure previste da Comitas, «circa 1.900 saranno relative alla provincia di Bolzano, leggermente più alto il numero a Trento, dove le imprese a rischio sono 2.300». Relativamente al primo trimestre 2013 (per il quale non sono disponibili i dati per provincia) rispetto alle altre regioni d’Italia il TrentinoAlto Adige, seppur con dati negativi, presenta una situazione meno grave. Infatti nel periodo considerato «il tasso di crescita delle imprese in regione segna un -0,42% — prosegue Comitas — contro il -1,27% della Valle d’Aosta, il -0,91% della Basilicata e il -0,85% del Piemonte. Meglio del Trentino solo Lazio(-0,07%), Campania (-0,08%) e Lombardia (-0,28%). La regione appare anche al di sotto della media nazionale sul fronte del tasso di crescita delle imprese (-0,51%)». «Non conosco i criteri di questa analisi e non so se i risultati sono veritieri, ma queste previsioni pessimistiche non mi sembrano molto distanti dalla realtà—commenta Lombardini—.I segni che abbiamo davanti ci indicano una continuazione del malessere.
La verità è che non si può andare avanti così, le nostre associazioni hanno a che fare ogni giorno con un bollettino di guerra. È solo la dignità delle persone che non fa emergere i dati reali». Nell’ultimo numero del mensile associativo, il presidente di Confesercenti avanza una proposta precisa: «Oltre al blocco dell’aumento dell’Iva, dal 21 al 22%, è necessario che in questo periodo di generale difficoltà le istituzioni facciano uno sforzo per venire incontro alle Pmi che non riescono a tirare avanti e per le quali anche una spesa di 2-300 euro all’anno rappresenta un problema vitale. Sarebbe giusto quindi esentare questi soggetti dal pagamento dell’Irap per almeno tre anni» afferma Lombardini, considerando questa «una proposta di tutto rispetto», fatta insieme a Rete imprese Italia, «per venire incontro alle aziende e ai relativi dipendenti, che sommati sono molti di più di quelli di Whirlpool o altre fabbriche». «La crisi che ha colpito il lavoro autonomo sta letteralmente mangiando numerose attività commerciali anche in settori che fino a qualche tempo fa riuscivano a tenere». Il mensile cita l’esempio di un fiorista di Povo che ha chiuso dopo 20 anni di attività e di un commerciante di mobili in procinto di vendere il proprio show room per una diminuzione di 2/3 dell’attività.

Fonte: Corriere del Trentino

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title