Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

OTTO PARADOSSI DELL’ATTUALE POSIZIONAMENTO DELL’ECONOMIA CIRCOLARE

PRIMO PARADOSSO
Nei convegni e nei dibattiti i Consumatori sono costantemente assenti; sono presenti solo gli addetti ai lavori; nei media si parla dei problemi generali.
Più che disinformazione c’è carenza d’informazione.
Tutti sostengono che coinvolgere i Consumatori è fondamentale; eppure l’informazione è attuata in maniera inadeguata e ancor meno efficaci sono le proposte di soluzioni specifiche e pratiche.
I CONSUMATORI VANNO INVITATI E COINVOLTI

SECONDO PARADOSSO
In generale la sensibilità dei Consumatori verso l’EC non corrisponde alla possibilità di adottarla. Esiste un terreno fertile che rimane parzialmente incolto.
L’interazione diretta e coinvolgente Consumatore-Impresa è determinante per raggiungere l’obiettivo.
CONSENTIRE AI CONSUMATORI DI ACCEDERVI IN MANIERA
SEMPLIFICATA E PREMIANTE PER UNA PIENA CONDIVISIONE

TERZO PARADOSSO
I Bilanci di Sostenibilità con cui le Imprese evidenziano le loro attività non finanziarie rimangono sconosciuti ai Consumatori; inderogabile, per la organizzazione circolare del sistema produttivo, la connessione attiva Consumatori, Beni-Servizi, Produzione, Pubblica Amministrazione.
ConsumerLab sta lavorando per SEMPLIFICARLI IN SINTESI DIVULGATIVE IN MODO DA FACILITARE LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SOSTENIBILITÀ E DELL’EC

QUARTO PARADOSSO
Non si convince un Consumatore che il rifiuto è una risorsa se deve pagare due volte: un contributo ambientale mentre acquista e una tassa mentre smaltisce, differenziando.
La raccolta differenziata urbana presuppone, oltre al senso civico ben radicato, la conoscenza di un manuale tecnico e una certa pazienza. Quindi la strada della raccolta differenziata deve essere allargata per (ancora…) CONSENTIRE AI CONSUMATORI DI ACCEDERVI IN MANIERA SEMPLIFICATA E  PREMIANTE PER UNA PIENA CONDIVISIONE

PROPOSTA 1
Essenziale che la circolarità, inserita come pilastro dello sviluppo, sia misurabile o coordinata da una cabina di regia; una cabina di regia che segua tutti i percorsi, avviando ogni possibile integrazione e coordinamento; soprattutto in grado di programmare e pianificare gli approvvigionamenti di materie per le produzioni future, intervenendo sui flussi con particolare riferimento al recupero e al riutilizzo delle materie seconde. La stessa cabina di regia deve anche concertare le competenze sulla gestione dei materiali oggi distribuita a livello interministeriale.

 QUINTO PARADOSSO
Il volume degli imballaggi cresce di continuo trainato dall’ecommerce, nessuno si pone il problema di affermare l’Ecodesign, l’innovazione tecnologica per progettare e realizzare prodotti che consentano e facilitino la differenziata, cioè abbiano capacità di riciclo, che ottimizzino le possibilità di riparazione, rigenerazione, riutilizzo e riconversione; che mantengano cioè il più a lungo possibile il proprio ciclo di vita, evidenziando la circolarità in maniera misurabile.
CONSUMERLAB STA PROGETTANDO L’ECODESIGN RESPECT

PROPOSTA 2
Una forte maggioranza sarebbe pronta a preferire prodotti che hanno caratteristiche strutturali favorevoli alla circolarità; la difficoltà a individuarle rende inattiva questa preferenza. Una etichettatura che indichi la percentuale di potenziale riciclo di un prodotto faciliterebbe certamente la preferenza.

PROPOSTA 3
Chiediamo di iniziare subito la programmazione per l’impiego delle risorse del fondo UE/Fesr post 2020 destinato alla crescita intelligente (che vede l’economia circolare al centro) appena approvato.

SESTO PARADOSSO
Si sostengono più gli investimenti che hanno effetti dannosi sull’ambiente. Serve un’azione concreta per ribaltare gli equilibri, LIMITADO I PREVALENTI SAD  (SUSSIDI AMBIENTALMENTE DANNOSI) E INCREMENTANDO I  LIMITATI SAF (SUSSIDI AMBIENTALMENTE FAVOREVOLI)

SETTIMO PARADOSSO
Abbiamo esaminato 529 Bilanci di Sostenibilità con l’obiettivo (tra gli altri) di verificare se l’Impresa adotta impostazioni produttive in modo da favorire l’affermazione dell’EC, rendendola più accessibile e più implementabile; in pratica progetta e produce nella logica dell’Ecodesign. Solo il 4,8% lo fa.
LE IMPRESE DEVONO EVIDENZIARE LE AZIONI SPECIFICHE PER FAVORIRE L’EC

OTTAVO PARADOSSO
L’EC porta nuova occupazione se valorizza la Ricerca per l’Innovazione. L’inquinamento e il degrado creano occupazione poco qualificata ma più numerosa; ATTENTI A PARLARE DI NUOVA OCCUPAZIONE DALLA GREEN ECONOMY in generale e dell’EC in particolare senza il massimo impegno

  • nella Ricerca per l’Innovazione
  • nella semplificazione burocratica
  • nel riposizionamento culturale

DUE CONSIDERAZIONI FINALI:
– l’EC catalizza la coesione sociale, creando connessione (ed emulazione) tra le persone, stimolando il senso civico;
– l’EC non favorisce la finanza predatoria (che ammalora l’economia) e consente di ostacolare la speculazione sulle materie prime.

TESTO COMPLETO DELLA RICERCA QUI

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title