Tutela Legale Microimpresa

Comitas - Coordinamento Microimprese per la Tutela e lo Sviluppo

in collaborazione con

Pronta una «class-action» delle imprese. Saranno chiesti i risarcimenti dei danni

Si prepara una class action dopo l’ emergenza idrica che ha tenuto per quattro giorni la città senz’ acqua. Il Comitas (Coordinamento Micro, Piccole e Medie Imprese Per la tutela ed Assistenza) prepara una class action contro Asa per il risarcimento dei danni subiti dalle piccole e medie attività in seguito alla mancata erogazione di acqua. Molte attività livornesi (quali bar, pasticcerie, panifici, parrucchieri, ristoranti, pizzerie, lavanderie ed in generale tutte le attività che utilizzano quotidianamente grossi quantitativi di acqua, o all’ interno del proprio ciclo produttivo o per sanificare gli ambienti) hanno subito gravi danni dall’ interruzione di acqua. Lo sportello Comitas l’ associazione promossa dal Codacons, «si rivolge a tutti coloro che avessero subito disagi e/o danni alla propria attività proponendosi di avviare azioni collettive e/o individuali al fine di ottenere il risarcimento per i danni subiti». La sede è a Livorno in Via dell’ Indipendenza n.20 ed i referenti sono gli Avvocati Leandra Ferrini, Federico Pistoia, Nicola Stiaffini. E’ possibile contattare l’ associazione tramite il numero 0586/898366 o scrivendo una mail a info@studiolegalefps.it. IL CONSIGLIERE di Governare Livorno Andrea Romiti poi, ricorda che: «Se è pur vero che a livello nazionale, la disciplina dei rimborsi automatici per quanto riguarda l’ erogazione del servizio idrico non è presente, tali rimborsi automatici e relative responsabilità contrattuali sono garantiti ai cittadini livornesi dalla ?Carta del Servizio Idrico Integrato? dell’ ATO 5 costa. L’ art. 11 comma 7 titolato ?Casi di indennizzo automatico? disciplina in modo puntuale i casi in cui si può richiedere il risarcimento». E, chiude: «Il danno che abbiamo subito per la mancanza del servizio idrico non può e non deve essere liquidato con delle semplici scuse nella eventualità in cui sussista una responsabilità dell’ Asa».

Fonte: La nazione

I nostri uffici rimarranno chiusi dal 7 al 29 agosto

Menu Title